Proverbi
 ::: Proverbi :::

N donna n tela a lume di candela.
Una mano lava l'altra e tutte due si lavano la faccia.
Va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.
A San Martino ogni mosto si fa vino.
A caval donato non si guarda in bocca.
Chi troppo vuole, nulla stringe.
Chi la dura la vince.
Ultimo arrivato, male accontentato.
Se non zuppa pan bagnato.
Chi va piano, va sano e va lontano.
Acqua passata non macina pi.
Sopra la panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa.
Chi rompe paga e i cocci sono suoi.
Can che abbaia non morde.
Una mela al giorno toglie il medico di torno.
Le bugie hanno le gambe corte.
Meglio un uovo oggi che la gallina domani.
L'erba del vicino sempre pi verde.
L'erba "voglio" non cresce nemmeno nel giardino del re.
Quando il gatto non c', i topi ballano.
Chi fa da s, fa per tre.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio.
Chi cerca, trova.
Nella botte piccola c' il vino buono.
Chi prima arriva, meglio alloggia.
Fidarsi bene, non fidarsi meglio.
Chi ben comincia, a met dell'opera.
Donna e fuoco toccali poco.
Tutti i nodi vengono al pettine.
Non c' rosa senza spine.
Ogni medaglia ha il suo rovescio.
Meglio soli che male accompagnati.
A buon intenditor poche parole.
Donna e luna, oggi sereno e domani bruna.
Paese che vai, usanza che trovi.
L'abito non fa il monaco.
L'apparenza inganna.
Anche la Regina ha avuto bisogno della vicina.
Col fuoco, donne e mare, c' poco da scherzare.
Tra il dire e il fare c' di mezzo il mare.
Tutto bene ci che finisce bene.
Donna baciata, mezza guadagnata.
Ride bene chi ride ultimo.
Gallo muto non pu essere servuto.
Chi non risica non rosica.
Occhio non vede cuore non duole.
Non c' due senza tre.
Donna buona vale una corona.
Non c' peggior sordo di chi non vuol sentire.
Gallina vecchia fa buon brodo.
Chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa quel che lascia ma non sa quel che trova.
Chi la fa l'aspetti.
Non oro tutto ci che luccica.
Donna che ride, ti ha detto di s.
Chi mangia cacio e pesce, la vita gli ricresce.
Chi nasce bella mezza maritata.
Chi non buono per il re, non buono neanche per la regina.
Chi non si accontenta dell'onesto, perde il manico e anche il cesto.
Meglio un asino vivo che un dottore morto.
Chi semina vento raccoglie tempesta.
Fare e disfare, tutto un lavorare.
Fatta la legge, trovato l'inganno.
I fatti son maschi e le parole sono femmine.
Chi di spada ferisce, di spada perisce.
Chi si loda s'imbroda.
Il lusso in abbondanza allontana l'eleganza.
A chi ha paura non basta l'armatura.
Se ascolto, dimentico; se vedo, ricordo; se faccio, capisco. (prov. cinese)
Il perdono la miglior vendetta.
Non c' due senza tre e il quattro vien da s.
Il viaggio pi importante della destinazione.

 ::: Segnala questo sito ad un amico..
Segnala questo sito a un amico / Tell a friend:

(Torna su)